La professoressa Claudia Crescente insegna Lettere al Liceo Rodolico di Firenze. Ecco come sta lavorando con i suoi studenti sulle Novelle per un anno di Luigi Pirandello.

Promuovere la lettura insieme a un uso consapevole del digitale

Ho aderito al progetto Pearson-Betwyll con grande entusiasmo. Quest’anno infatti ho una prima nel liceo scientifico dove insegno ormai da diversi anni. È una classe dell’indirizzo di scienze applicate. Sono ragazzi molto vivaci, curiosi nei confronti di tutto ciò che è nuovo e “tecnologico”. Tuttavia, pochi, veramente pochi di loro leggono abitualmente. Il contesto ideale, mi sono detta, per tentare questo esperimento: avvicinarli alla lettura di un grandissimo della letteratura attraverso uno strumento che conoscono fin troppo bene, lo smartphone.

Tra l’altro mi ero accorta che questi nativi digitali, velocissimi a pubblicare Instagram Stories, si trovano spesso in difficoltà se chiamati ad usare in maniera “professionale” lo strumento informatico. Ecco che allora il progetto mi veniva incontro anche in questo senso: guidare gli studenti all’uso critico e consapevole di certi strumenti che non vanno demonizzati ma usati correttamente.

Ho già partecipato ad altri progetti di social reading attraverso l’uso del metodo TwLetteratura. Il progetto con Pearson mi facilitava ulteriormente nel proporre ai ragazzi diverse attività didattiche sul testo, valutabili anche secondo modalità tradizionali.

Il lavoro sulla app e in classe

Come procediamo? Innanzitutto nelle settimane precedenti ho presentato il metodo agli studenti, facendoli esercitare sull’ultimo capitolo dei Promessi sposi disponibile su Betwyll. Perché si impratichissero senza il timore della pubblicazione, hanno lavorato su paper-twyll (griglie cartacee di 140 spazi). E intanto hanno visto come funziona l’applicazione e quali strumenti mette a disposizione.

Tutti gli studenti seguono me (sono miei follower) e si seguono tra loro (io seguo tutti). Ci atteniamo il più possibile al calendario proposto, anche per dare continuità all’attività. Devo dire che in questo mi aiuta molto il fatto che li vedo praticamente ogni giorno. Alterniamo momenti di lettura in classe, nei quali analizziamo i twyll più significativi, ad altri di lettura individuale a casa. Per la sua brevità, il genere novella si presta particolarmente agli esercizi di analisi del testo cui sono ormai avvezzi. Da inizio anno scolastico infatti lavoriamo su concetti come narratore e punto di vista, personaggi e spazio-tempo, linguaggio e pubblico.

Ho invitato i ragazzi a postare almeno tre twyll al giorno. Come prima esperienza solo twyll originali, poi anche di interazione tra loro. Il prossimo step è quello di commentare i twyll di qualche “sconosciuto” (ma su questo fanno un po’ i timidi).

La valutazione

Naturalmente l’attività sulla piattaforma viene monitorata (attraverso la vista “I miei amici” presente nell’Arena) e valutata. Chi twylla secondo le consegne riceve un’annotazione positiva, chi non twylla (o lo fa in maniera scarsamente rilevante) una negativa.

I ragazzi sanno già che al termine dell’esperienza li aspetta una verifica. Li farò lavorare in maniera tradizionale (con esercizi di analisi e approfondimento) su una delle novelle lette insieme durante il social reading. Sono convinta che l’azione combinata delle attività di lettura-riflessione-confronto-sintesi (ah, quei 140 caratteri!)-condivisione li avrà invitati ad entrare in un contatto più profondo e personale con il testo.

Claudia-Crescente

Claudia Crescente

insegnante

Sono laureata in Lettere con una specializzazione sui nuovi media. Dopo un primo impiego nell’editoria multimediale, sono stata rapita dall’insegnamento. Amo la buona letteratura e la ricerco. Ho un marito molto paziente e una bambina di cui sono pazzamente innamorata. Insegno Lettere al Liceo Scientifico Statale Niccolò Rodolico di Firenze. 

Vuoi sapere di più su social reading, innovazione ed EdTech? Iscriviti alla nostra newsletter e scarica Betwyll da App Store o Google Play.

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Iscriviti alla newsletter italiana

* indicates required
Sesso *
Interessi

Betwyll utilizzerà le informazioni che fornisci attraverso questo modulo per restare in contatto con te e fornirti aggiornamenti sulle nostre attività. Indicaci come preferisci essere contattato:

Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando sul link unsubscribe che trovi al fondo di ogni email che riceverai da noi, oppure contattandoci a info@betwyll.com. Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per maggiori informazioni sulle prassi che adottiamo per la privacy visita il nostro sito. Cliccando sul pulsante che segue, acconsenti a farci processare le tue informazioni in base a questi termini.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Subscribe to English newsletter

* indicates required
Sex *
Interests

Betwyll will use the information you provide through this form to stay in touch with you and provide updates on our activities. Tell us how you prefer to be contacted:

You can change your mind at any time by clicking on the unsubscribe link at the bottom of every email you receive from us, or by contacting us at info@betwyll.com. We will treat your information with respect. For more information on our privacy practices visit our website. By clicking on the button below, you agree to let us process your information according to these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Iscriviti alle

nostre newsletter